Le novità e i consigli per il SEO nel 2018

Ed eccoci qua nel 2018! Vediamo cosa cambierà nel 2018 in materia seo e posizionamento. Di seguito troverete i punti fondamentali da migliorare per quest’anno

RankBrain & User Experience

RankBrain e segnali user experience

L’anno scorso Google ha annunciato che RankBrain era il loro terzo più importante fattore di ranking:

“Nei pochi mesi che è stato distribuito, RankBrain è diventato il terzo più importante segnale che contribuisce al risultato di una query di ricerca.”

E come Google affina il suo algoritmo, RankBrain sta per diventare ancora più importante nel 2018.

La domanda è:

Che cosa è RankBrain, esattamente? E come si può ottimizzare per esso?

Google RankBrain: una spiegazione semplice


RankBrain è un sistema di apprendimento automatico che aiuta Google nei risultati di ricerca.

Questo potrebbe sembrare complicato, ma non lo è.

RankBrain misura semplicemente come gli utenti interagiscono con i risultati della ricerca e li colloca di conseguenza.

Per esempio, diciamo che si cerchi “caffè birra fredda” in Google.

preparare il caffè freddo

Il risultato # 4 appare particolarmente allettante. Quindi si fa clic su di esso rapidamente.

E quando si arriva … wow! E ‘il miglior articolo maledettamente sul caffè avete mai letto. Così si divorano ogni parola.

RankBrain sta andando a prendere nota … e probabilmente dare quel # 4 risultato la sua classifica andrà in rialzo.

Come si può vedere, RankBrain si concentra su due cose:

1. Quanto tempo qualcuno spende sulla tua pagina (tempo di visita) 
2. La percentuale di persone che cliccano sul quel risultato (Click Through Rate)

 

RankBrain e Dwell Time


Tempo di visita= quanto tempo una persona spende sulla tua pagina.

Come si è visto, RankBrain presta molta attenzione alla Dwell Time.

In realtà, il capo di Google in Canada ha recentemente confermato che Google utilizza il Tempo di visita come un segnale di posizionamento.

 

RankBrain e organico Click Through Rate (CTR)


In una presentazione di Paolo Haahr ha fatto grande scalpore nel mondo SEO, quando pubblico questa diapositiva nella sua conferenza:

Paul Haahr

Questa diapositiva dice in sostanza:

“RankBrain volte il posizionamento delle pagine più in alto di quello che dovrebbero essere.

E se quella pagina ottiene un CTR superiore alla media, la pagina dovrebbe ottenere un posizionamento permanente in prima pagina.”

Diventa un CTR Jedi

CTR Jedi

Se si vuole padroneggiare SEO nel 2018, è necessario per diventare un CTR Jedi.

Sì, a causa del RankBrain.

Ma anche a causa di:

annunci Google

E:

liste di Google

E più mortale di tutti:

Google wiki

Non è un segreto il motivo per cui: Google sta spiazzamento i risultati organici di ricerca con le scatole di risposta, annunci e caroselli di informazioni.

 

Comprehensive, In-Depth Content vince

Approfondita contenuti

Ai vecchi tempi, Google avrebbe analizzare la vostra pagina per vedere quante volte avete usato una parola chiave specifica.

In altre parole, ci siamo sempre concentrati 100% sul contenuto della tua pagina come ad esempio su:

  • Title tag
  • URL
  • testo dell’immagine ALT
  • Description tag
  • tag H1

Per essere onesti, Google oggi è molto più intelligente di quanto non lo sia mai stato e si concentra più sul contesto che sul contenuto.

Cosa voglio dire?

Ricorda: # 1 il lavoro di Google è quello di mostrare la loro utenti il ​​miglior risultato. E nella maggior parte dei casi, il risultato “migliore” non è un pezzo di contenuti per parole chiave fornito.

Invece, le pagine migliori coprono un intero argomento in modo approfondito (chiamato stop shopping)) .

Infatti, la mia recente studio ha trovato che i fattori di ranking in modo approfondito il contenuto tende a classificare meglio in Google.

autorità Thema contenuto

Come scrivere Comprehensive, In-Depth Content


Quindi: come si può scrivere il tipo di contenuti di approfondimento che Google vuole vedere?

In primo luogo, pubblicare contenuti che hanno almeno 2.000 parole. In questo modo, è possibile coprire tutto ciò che un ricercatore di Google ha bisogno di sapere su questo argomento.

In realtà, il nostro studio ha trovato che i fattori di ranking contenuti più lunghi (come guide finale e post-long-form blog) superiore di grado brevi articoli in Google:

numero di parole totale Content

Aggiungere LSI parole chiave al tuo Contenuti


Una volta che hai messo gli ultimi ritocchi al tuo mostro di 2.000-parole, dovresti aggiungere qualche parola chiave tramite il tool LSI.

LSI trova parole e frasi che sono fortemente associati con il tema della tua pagina.

Per esempio, diciamo che appena pubblicato un articolo su La dieta Paleo.

LSI troverebbe termini come:

  • Nutrizione
  • uomo delle caverne
  • Perdita di peso
  • ricette
  • Grani

E quando Google vede queste parole chiave sulla tua pagina, pensano: “Incredibile! Questa pagina copre ovviamente questo argomento molto bene.”

Come si fa a trovare le parole chiave LSI? Ecco tre semplici modi::

In primo luogo , utilizzare uno strumento gratuito chiamato nifty LSI Grafico .

grafico LSI

Basta inserire la parola chiave di destinazione nello strumento, e vi mostrerò una serie di parole chiave LSI che sono associati con questo termine:

Risultati grafico LSI

Aggiungere uno di questi che ha senso per il vostro contenuto.

In secondo luogo , utilizzare il buon vecchio’ Google. Basta cercare la parola chiave di destinazione. Quindi controllare le “Ricerche correlate a …” nella parte inferiore dei risultati di ricerca.

Ricerche correlate

Infine , è possibile incidere il Piano di parole chiave di Google per i suggerimenti di parole chiave LSI. Ecco come:

Cercare la parola chiave nella Planner Google Keyword. E cliccare su “Trova idee”.

pianificatore parola chiave

Poi, la scansione dei risultati. Molti di questi sono LSI parole chiave.

risultati pianificazione delle parole chiave

Mobile il primo indice di Google

mobili primo indice di Google

L’anno scorso Google ha annunciato che un site mobile responsive sara il primo indice di posizionamento sul suo motore di ricerca.

Questa mossa ha un senso. Oggi, il 60% delle ricerche di Google sono da un dispositivo mobile. E questo andrà solo crescendo in futuro

Anche se il Mobile come primo indice di posizionamento non è ancora reale, arriverà da un giorno all’altro.

Come prepararsi per il Mobile-primo indice di Google: 3 semplici passi


Rendere i contenuti coerenti tra desktop e mobile

Sapete come a volte le persone si nascondono contenuti sulla versione mobile del loro pagina?

Ecco un esempio:

contenuti coerenti

Beh, questo sta per essere un grosso problema. Una volta che Google diventa mobile-first andrà a prendere in considerazione la versione mobile della pagina e la confronterà con quella desktop se le due hanno contenuti diversi google la escluderà dal posizionamento!

Ad esempio, quando si visita questo post sul blog Backlinko da un iPhone, si ottiene lo stesso contenuto stupefacente che gli utenti desktop visualizzano

tecniche SEO impugnabili

Come si può vedere, non c’è nulla di nascosto dietro pulsanti, menu, o sezioni espandibili.


Spostare da m. a responsive design

Avete una versione mobile “M” del tuo sito? Google consiglia di passare a responsive design.


Assicurarsi che il sito Kicks Butt On Mobile

RankBrain misura strettamente come gli utenti di Google interagiscono con il sito.

SE gli utenti hanno difficoltà a utilizzare il sito con il loro telefono google potrebbe abbassare drasticamente il posizionamento del stio sia mobile che destkop.

Mi consiglia di check-out il ingegnoso strumento Test di ottimizzazione mobile di Google. Basta inserire un URL in esso, e lo strumento ti consente di sapere se il sito è ottimizzato per dispositivi mobili:

Test amichevole mobile

 

Cellulari risultati dei test amichevoli

Go-all in con video (o ottenere Left Behind)

Video SEO 2018

Il video online sta esplodendo in questo momento.

In realtà, secondo Cisco, i video online genereranno circa il 80% di tutto il traffico on-line entro il 2021.

 

Attingere a YouTube


YouTube è già il secondo più grande motore di ricerca al mondo .

E come ogni piattaforma di video online, è in rapida crescita (The Huffington Post riporta che la quantità di tempo che le persone trascorrono su YouTube è il 60% rispetto allo scorso anno).

In breve, sempre più persone sono alla ricerca di cose su YouTube … e saltano quindi la ricerca con Google.

Quindi, se si vuole ottenere più traffico da SEO nel 2018, vi consiglio di creare e ottimizzare contenuti specifici per YouTube.

Si tratta di un motore di ricerca che è troppo grande per essere ignorato.

ricerca di Google con il video

(E come ci si potrebbe aspettare, una buona parte di quegli spettatori si trasformano in visitatori del sito web, contatti e clienti).

Perché? Beh, per cominciare: il 55% di tutti i risultati di ricerca di Google contiene almeno un video.

Ecco un esempio di quello che voglio dire:

YouTube SEO

E considerando che Google possiede YouTube, si aspettano anche altri video di YouTube nei risultati di ricerca nel 2018.

In realtà, Google ha iniziato a fondere i risultati di YouTube in Google Ricerca immagini:

risultati video

Incorpora video contenuti in testo-Based Blog


Se la gente vuole vedere più video, perché non darglieli ?

Ecco perché vi consiglio di incorporare contenuti video nel tuo post del blog. Nella mia esperienza, questo può dare un serio impulso nel tempo di visita della pgina.

Prestare attenzione alla Ricerca vocale

Prestare attenzione alla ricerca vocale

È la voce di ricerca “la prossima grande cosa” in SEO? Ne dubito. Detto questo, la popolarità di ricerca vocale è in crescita .Ecco alcuni dati ufficiali della ricerca vocale;

  • 40% degli adulti effettua almeno una ricerca vocale ogni giorno ( fonte )
  • Ricerche vocali eseguite in Google sono fino 35x dal 2008 ( fonte )
  • Il 20% di tutte le ricerche su cellulare sono le ricerche vocali ( fonte )

 

Come ottimizzare per la ricerca vocale


 

In primo luogo, il contenuto deve essere sulla prima pagina. Successivamente, aiuta molto se il contenuto appare in un frammento in primo piano, come in questo modo:

Ranking di Google fattori

E dal mio test, con la ricerca vocale di Google (in particolare Google Home) tende a sputare il testo all’interno del primo piano frammento.

Infine, includere una domanda (e risposta) nel contenuto.

La stragrande maggioranza delle ricerche vocali si basano domanda ( “Come faccio a fare un plumcake ”?).

Quando ciò accade, Google di solito prende una pagina che contiene a) la questione e b) la risposta.

Non dimenticare: contenuti e link sono la chiave
Contenuti e link

In realtà, Google ha recentemente venuto fuori e ha detto che contenuti e link sono i loro # 1 e # 2 fattori di ranking:

Google top ranking fattori

E quando abbiamo recentemente analizzato 1 milioni di risultati di ricerca di Google , abbiamo scoperto che il numero di siti con link a una pagina correlata con classifiche più di ogni altra cosa.

Numero di domini che si riferiscono

In breve, contenuti e link sarà ancora il fondamento della SEO nel 2018.

E una volta che hai una maniglia su questo, è il momento di ottimizzare il vostro sito per le nuove tendenze SEO che ho descritto in questa guida.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rispettiamo la tua privacy!

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.

Cookie policy